Autoproduzione delle operazioni portuali. Incontro al Ministero

Il sottosegretario Santangelo: “Il Governo dimostra la giusta attenzione nei confronti delle problematiche che vive la categoria dei lavoratori portuali”.

Un incontro molto partecipato quello che si è tenuto stamattina al Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale organizzato dalla Direzione Generale per la vigilanza sulle autorità portuali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Alla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Vincenzo Maurizio Santangelo, le sigle sindacali e le associazioni di armatori e della logistica hanno incontrato il Direttore generale del Dipartimento Maurizio Coletta, al fine di valutare congiuntamente le questioni relative all’autoproduzione delle operazioni portuali.

Durante l’incontro si è discusso altresì delle criticità che vive anche il porto Trapani e che vedono coinvolti, da un lato, i lavoratori delle imprese portuali e, dall’altro, gli armatori e in particolare il Gruppo Franza, Caronte & Tourist (Traghetti delle Isole). Dal 22 giugno scorso, infatti, i lavoratori portuali non possono più salire a bordo dei traghetti, con relativo susseguirsi di manifestazioni e incontri tra sindacati e Prefetto, a causa dei provvedimenti dell’Autorità di Sistema portuale del mare di Sicilia occidentale che, secondo l’Impresa portuale S.r.l. di Trapani che ha proposto un ricorso al TAR Sicilia, sarebbero illegittimi.

“Il Governo, – afferma il sottosegretario Santangelo – anche con la mia presenza, dimostra la giusta attenzione nei confronti delle problematiche portuali nazionali, delle imprese e dei lavoratori coinvolti”. “Questioni complesse riscontrate in tutto il territorio nazionale, – conclude Santangelo – e molto diverse tra loro. Sottoporremo al Ministro Toninelli un report con quanto emerso dall’incontro di oggi”.

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *