Ecco il team che collabora con me alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, una squadra di professionisti al servizio dei cittadini!

Con il Movimento 5 Stelle abbiamo fatto della meritocrazia uno dei nostri cavalli di battaglia, e come da nostra consuetudine noi le promesse le manteniamo. Abbiamo scelto giovani, capaci, abbiamo scelto per curricula e non per peso elettorale. È un grande piacere presentare la squadra che collabora con me in questa importante avventura alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Ecco chi sono:

Fabiana Scognamiglio, avvocato.
Laureata nel 2003 in Giurisprudenza all’Università di Roma “Tor Vergata” e abilitata alla professione di Avvocato presso la Corte di Appello di Roma nel 2006, ha maturato le sue esperienze professionali lavorando in studi legali e, successivamente, nella sezione affari legali e rapporti istituzionali di una società di consulenza operativa nel settore energetico.
Dal 2011 ha iniziato una attività di consulenza legislativa presso la Presidenza della 7ma Commissione Parlamentare del Senato della Repubblica. Dal 2013 ha svolto l’attività di collaboratore legislativo per alcuni parlamentari del Movimento 5 stelle, in particolare con me e con il senatore Bruno Marton.
Dal mese di giugno 2018, inoltre, ricopriva il ruolo di Legislativo nell’area Difesa-Esteri-Politiche Agricole del Gruppo Movimento 5 Stelle in Senato. Vanta anche esperienze nel mondo universitario come cultore del diritto privato. Svolge il ruolo di Segretaria Particolare.

L’avvocato Andrea Di Capizzi è laureato in Giurisprudenza presso l’Università LUISS Guido Carli di Roma, dove, al termine degli studi, ha anche frequentato il Master di II Livello in Legal Advisor and Human Resources Management, risultando assegnatario di borsa di studio.
Ha svolto per 18 mesi il tirocinio formativo presso il T.A.R. Lazio, dedicandosi all’approfondimento della disciplina di diritto amministrativo sostanziale e processuale.
Nel settembre 2017 ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione forense.
Da luglio 2018 assume il ruolo di collaboratore tecnico presso il mio ufficio al Sottosegretariato di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega ai rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta, dove si occupa prevalentemente dell’attività di studio e analisi legislativa connessa all’agenda parlamentare.

Maria Chiara Graziano, addetto stampa
Giornalista esperta in Tecniche di Comunicazione, con specializzazione in Pubbliche Relazioni.
Muove i suoi primi passi nel mondo del giornalismo, scrivendo alcuni pezzi per rinomati quotidiani regionali, a soli 17 anni.
Nel 2008 entra nell’Albo dei Giornalisti Pubblicisti e oggi è iscritta al Registro dei Praticanti per l’Albo dei Professionisti. Sempre nel 2008 consegue la Laurea in Giornalismo per Uffici Stampa, nel 2011 si laurea con particolare menzione alla magistrale di Scienze della Comunicazione Sociale e Istituzionale, e nello stesso anno accede al Dottorato di Ricerca in Pubbliche Relazioni, con borsa di studio, tutto presso l’Università di Palermo.
Numerose le esperienze nel mondo del giornalismo, è stata anche direttore di un periodico a tiratura regionale. Inoltre è specializzata nel settore della formazione (in qualità di docente di Comunicazione), della progettazione (avendo partecipato e scritto numerosi bandi nel settore pubblico e privato, regionale, ministeriale ed europeo), dell’associazionismo e dell’internazionalizzazione per aziende private.
Da molti anni lavora presso uffici stampa istituzionali, in ultimo quello del gruppo parlamentare all’Assemblea Regionale Siciliana del Movimento 5 Stelle, dove ha collaborato con i nostri portavoce regionali per oltre quattro anni. Dal mese di luglio, collabora alla Presidenza del Consiglio dei Ministri come mio addetto stampa e, oltre all’informazione locale e nazionale, cura le strategie per implementare la mia attività sui social media e sul sito personale, così da rendere pubbliche tutte le attività che svolgo quotidianamente, sia dentro il Parlamento che da Sottosegretario di Stato.

Giovanni Catania, 53 anni, è dipendente della Regione siciliana dal 1986. Laurea in Economia e Commercio, ha una specializzazione di III Ciclo sulla Fruizione dei Beni culturali e ambientali e due Master: uno in Pubbliche Relazioni Europee ed uno di II Livello in Gestione del Ciclo di Governo ed Empowerment.
Ha lavorato per 15 anni all’Azienda Provinciale Turismo di Trapani e per altri 10 come Dirigente a contratto della Provincia regionale di Trapani, dove ha creato e potenziato nel tempo il settore Programmazione gestendo, dal 2002 al 2011, circa 250 progetti su Infrastrutture, Turismo Culturale e Marketing Territoriale, per complessivi 125 meuro circa, finanziati da Regione, Stato e Unione europea.
E’ stato nel team di progettisti, ed anche il Project Manager, del Progetto Integrato Territoriale n.14 del POR Sicilia 2000-2006 che ha avviato la riqualificazione della città di Trapani e realizzato la Funivia di Erice.
Dal 2007 al 2011 è componente della Segreteria Tecnica dell’Accordo di Programma Quadro finanziato per valorizzare i Louis Vuitton Acts del 2005 e per posizionare Trapani come sede per eventi velici internazionali.
Dal 2011 al 2013 ha lavorato presso il Dipartimento infrastrutture, mobilità e trasporti della Regione siciliana, occupandosi di analisi, studio e supporto tecnico sui Servizi di Interesse Economico Generale (SIEG) ed è stato Referente delle Conferenza Stato-Regioni in materia di Aiuti di Stato.
Dal 2013 al 2016 ha lavorato nello staff di Direzione del Dipartimento della Programmazione della Regione siciliana, svolgendo anche l’incarico di componente della Segreteria Tecnica del Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici
Dal 2016 ha lavorato presso il Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione siciliana, Polo regionale di Trapani e Marsala.
Dal 18 settembre 2018, su richiesta del Sen. Santangelo, Sottosegretario di Stato per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta, è stato assegnato temporaneamente dalla Regione siciliana alla Presidenza del Consiglio dei Ministri presso l’Ufficio del Sottosegretario, utilizzando l’istituto del comando che consente ai membri del Governo di utilizzare funzionari pubblici negli uffici di diretta collaborazione. Svolge il ruolo di Responsabile di area giuridico-amministrativa.