La mia settimana #49

Si conclude una settimana molto intensa.
Nell’arco di tutta la settimana siamo stati quotidianamente impegnati nell’esame del disegno di legge numero 1248 di conversione in legge del decreto Sblocca Cantieri.
Martedì sono stato a Palazzo Chigi per un vertice di maggioranza volto a sciogliere alcuni nodi sul decreto. A seguire e per tutto il resto della settimana sono stato in Senato, prima in Commissione per il seguito dell’esame e il voto degli ultimi emendamenti e poi in Aula per l’inizio della discussione generale sul provvedimento.
Sono state giornate molto intense, tra l’Aula del Senato e tante riunioni volte a discutere gli ultimi emendamenti al decreto. Dal confronto siamo riusciti ad apportare dei miglioramenti al testo iniziale del provvedimento prevedendo l’obbligo di installare telecamere nelle scuole dell’infanzia e nelle strutture di assistenza e cura di anziani e disabili. Inoltre, al fine di prevenire lo spopolamento dei territori colpiti da eventi sismici, abbiamo previsto la possibilità di fronteggiare l’emergenza con l’installazione e l’utilizzo di case mobili.
Nel decreto abbiamo previsto delle strutture commissariali che seguiranno i cantieri diffusi nell’intero territorio nazionale. E ancora, interventi di semplificazione al Codice degli appalti per accelerare i lavori, ulteriori interventi per la ricostruzione dei territori colpiti dagli terremoti degli ultimi anni e un commissario straordinario per la rete viaria della Sicilia!

Nell’altro ramo del Parlamento, alla Camera dei Deputati è invece proseguito in Commissione l’esame del Decreto Crescita, l’altro importantissimo provvedimento del nostro Governo con cui introduciamo misure fiscali per la crescita economica e altre misure per il rilancio degli investimenti privati, per la tutela del Made in Italy, per il rientro dei cervelli e tanto altro.


Mercoledì sera si è tenuta una lunga e importante riunione con tutti i parlamentari per riflettere sul risultato delle ultime europee.
Insieme abbiamo deciso di trovare un’organizzazione più adeguata, dando più spazio e ascolto ai territori. Tutti noi abbiamo confermato la nostra piena fiducia in Luigi Di Maio. Fiducia poi confermata da migliaia di iscritti anche nella votazione di giovedì su Rousseau.

Siamo già al lavoro sulla nuova organizzazione: compiti ben precisi affidati a persone individuate, deleghe sui territori, sui temi e sulla comunicazione. Nei prossimi giorni Luigi Di Maio incontrerà i nostri sindaci, una rappresentanza dei nostri consiglieri comunali di tutti i comuni e presto verranno comunicate le date delle assemblee regionali che si terranno in tutte le regioni di Italia. Saranno dei momenti di confronto aperti e produttivi con i nostri attivisti: tutti dovranno sentire il MoVimento più vicino.

Sabato mattina, insieme ai parlamentari Francesco Mollame e Antonio Lombardo, ho incontrato il consiglio di amministrazione della storica Azienda Nino Castiglione.
Abbiamo informato i rappresentanti dell’Azienda che abbiamo intenzione di incontrare già la prossima settimana la parte tecnica e politica del Ministero delle politiche agricole per lavorare a soluzioni concrete che permettano allo stabilimento di tornare a mantenere la sua funzione socio-economica, fondamentale per il nostro territorio.

Sabato pomeriggio, invece, sono stato a Castelvetrano per partecipare alla riunione del MoVimento 5 Stelle della provincia di Trapani.
Una bella occasione per parlare di idee e progetti.
È il primo passo in vista della nuova organizzazione che renderà il MoVimento più vicino ai meetup e al territorio!

Ripartiamo, insieme, e torniamo più forti di prima!