La mia settimana #67

Si conclude un’altra importante settimana, dedicata ai lavori delle Commissioni.

Nell’ambito dei lavori della 8ª Commissione – Lavori pubblici, sono stato relatore dell’Atto n. 33 riguardante la Proposta di nomina dell’ingegnere Mario Paolo Mega come Presidente dell’Autorità di sistema portuale dello Stretto di Messina.
Si tratta di un ente pubblico non economico molto importante perché preposto ai compiti di indirizzo, programmazione, coordinamento, regolazione e controllo delle operazioni e dei servizi portuali, delle autorizzazioni e concessioni e delle altre attività commerciali ed industriali esercitate nei porti e nelle circoscrizioni territoriali. Ma anche un Organo con importanti funzioni in tema di sicurezza, manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni nell’ambito portuale, compresa quella per il mantenimento dei fondali e sulla promozione e il coordinamento di forme di raccordo con i sistemi logistici retro portuali e interportuali.

La Commissione è stata chiamata a fornire il parere sulla nomina governativa. Martedì, abbiamo pertanto ascoltato in audizione l’ing. Mega e mercoledì pomeriggio dato parere positivo, convinti dal curriculum e da quanto emerso nel corso dell’audizione, che questa nomina possa valorizzare le peculiarità dello Stretto e porre fine alle disomogeneità di un territorio svantaggiato e contraddistinto da un enorme traffico di passeggeri e merci.

Nel corso della settimana, in Commissione Lavori pubblici, sono state svolte anche altre importanti audizioni, nell’ambito del disegno di legge n. 1105, sulla trasparenza dei prezzi applicati dagli operatori dei servizi di telefonia mobile e sul fondamentale disegno di legge n. 727 di delega al Governo per il riordino delle disposizioni legislative in materia di trasporto aereo. Un provvedimento importantissimo che intendiamo approvare nei prossimi mesi, che ci consentirà di riorganizzare e migliorare il settore del trasporto aereo nazionale.

Anche questa settimana è proseguito il lavoro sinergico insieme al Viceministro Giancarlo Cancelleri. Ci siamo riuniti con gli altri membri delle Commissioni competenti al fine di definire priorità e obiettivi da portare avanti in tema di infrastrutture e trasporti.

Nei giorni scorsi, ho ricevuto anche un’altra importante notizia: dall’1 Ottobre sono stato chiamato a far parte della Giunta per il Regolamento del Senato, di cui sono stato membro anche nella scorsa XVII legislatura e proponente dell’abolizione del voto segreto al Senato con una modifica del regolamento.
Sono soddisfatto di avere la possibilità di riprendere e soprattutto partecipare ai lavori della Giunta per il Regolamento, proprio perché con essa potrò dare un contributo sulle modifiche e/o nuove proposte di riforma, che incidono su organizzazione dei lavori, procedure, qualità legislativa nel rispetto dei principi sanciti dalla nostra Costituzione.

La prossima sarà una settimana molto importante. In Senato arriverà in Aula la Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza 2019, in cui trova conferma la natura espansiva della manovra di bilancio. Oltre alla sterilizzazione dell’aumento dell’IVA, ci saranno tante altre misure fondamentali per la crescita del nostro Paese, tra tutte: il taglio del cuneo fiscale, il contrasto all’evasione, un nuovo Green new deal, orientato al contrasto ai cambiamenti climatici e alla promozione dell’economia circolare e un importante piano di investimenti pubblici volti a favorire il potenziamento delle infrastrutture e l’innovazione.

Alla Camera dei Deputati, invece, arriverà il voto definitivo sul taglio del numero dei parlamentari. Un altro passo importante nel segno di una delle nostre battaglie storiche, quella sul taglio dei costi della politica. Negli ultimi giorni i media hanno tentato in tutti i modi di screditare questa riforma, ma la verità è che ci sono #1MiliardoDiMotivi per ridurre il numero dei parlamentari: dal risparmio per le casse dello Stato di oltre 500 milioni di euro a Legislatura al miglioramento del procedimento legislativo grazie ad un Parlamento più snello ed efficiente. Seguiteci!