Regolamento per i beni confiscati alle mafie – Call To Action M5S

In molti Comuni d’Italia, non è stato ancora adottato un Regolamento per i beni confiscati alle mafie, nonostante la normativa lo preveda, per questo motivo abbiamo preparato, un modello base di regolamento da presentare nel vostro Comune, che troverete in fondo a questa pagina.
Il regolamento base, da noi modificato, nasce da quello proposto e fatto approvare dal MoVimento 5 Stelle a Brescia come riportato nel sito “Brescia 5 Stelle”.

Avere un Regolamento che indichi in modo chiaro e trasparente le procedure di affidamento di questi beni, che possono essere appartamenti, immobili, terreni, etc., contribuisce ad accellerare il loro affidamento agli enti territoriali per finalità sociali (comprese imprese giovanili, start-up innovative, laboratori, realtà che creino opportunità lavorative eccetera), è una cosa molto importante per favorire appunto gestioni trasparenti e accelerare gli affidamenti, e quindi restituire quanto più possibile ai territori, quello che gli è stato sottratto dalla criminalità.

Avere un regolamento può certamente evitare che i cittadini possano trovarsi davanti a intoppi di natura amministrativa, vedasi un caso come quello di Erice.

Questa “call to action” è indirizzata in prima istanza ai portavoce consiglieri eletti nei Comuni con il MoVimento 5 Stelle, ma anche ai cittadini che vogliano presentarlo nelle forme previste dallo Statuto e dai Regolamenti Comunali, magari accompagnandolo con una raccolta firme.

Questa video grafica è utile per comprendere rapidamente il funzionamento dalla confisca del bene, sino all’affidamento.

Sul sito CONFISCATI BENI troverete i dati riportati da OPENR.E.G.I.O, aggiornati dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (abbreviata in ANBSC) http://www.benisequestraticonfiscati.it , come previsto dal comma 5 dell’art. 38 del Codice Antimafia.

In sintesi ecco cosa ti proponiamo di fare :


1) Verifica se nel tuo Comune esiste già un regolamento per i beni confiscati alle mafie
2) Scarica il FAC-SIMILE del regolamento da presentare
3) Modifica le parti evidenziate, inserendo il comune, il numero dei beni sequestrati seguendo il link indicato e i riferimenti normativi regionali
4) Presentalo in Comune
5) Dopo averlo presentato dammene conferma compilando il form, predisposto dalla portavoce Vilma Moronese faremo un report finale.

Altre info le troverete su :

DOSSIER ANBSC
Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (abbreviata in ANBSC);
Link utile per ricercare i riferimenti normativi regionali;
Leggi e normativa di riferimento nazionale;

Infine sappiate che l’adozione di un regolamento, serve ad evitare episodi di corruzione che purtroppo non mancano in nessun settore in Italia.

Anche a Roma è stata intrapresa la strada dell’adozione del regolamento !!

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *